BARI | Ferrovie Sud Est, undici arresti per crac da 230 milioni di euro

Conferenza Stampa della Guardia di Finanza sul crac Ferrovie Sud-Est

Falsificazione dei bilanci d’esercizio, esternalizzazione dei servizi fondamentali a costi esagerati e moltiplicazione di incarichi e contratti di appalto a prezzi fuori mercato.

Un vero e proprio saccheggio dei fondi regionali quello che emerge dalle indagini sulla mala gestione delle Ferrovie Sud Est, partite nel 2007 e giunte a conclusione grazie anche alla relazione dell’ex commissario governativo Andrea Viero.

Tra le spese pazze, una bottiglia di vino acquistata per 2.600 euro da un’enoteca di Roma ed un autista personale con uno stipendio mensile di 14 mila euro riconducibili a Luigi Fiorillo, legale rappresentante e amministratore unico di Ferrovie Sud Est. Insieme a lui, undici persone sono state arrestate dalla Guardia di Finanza per il crac da 230 milioni di euro della società pugliese di trasporti.

Agli indagati la Procura di Bari contesta, a vario titolo, reati di bancarotta fraudolenta documentale, societaria e patrimoniale. In totale sono indagate 29 persone, fra imprenditori, dirigenti e progettisti di Fse.

Be the first to comment on "BARI | Ferrovie Sud Est, undici arresti per crac da 230 milioni di euro"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: