Il Tar taglia due consiglieri alla maggioranza di Emiliano, il centrodestra recupera due seggi

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano (foto ANSA)

 

Tre sentenze danno il via alla ridefinizione degli eletti: il procedimento si chiuderà solo a luglio. Intanto sulla carta il centrodestra recupera due seggi (De Palma di Fi e il fittiano Scalera), mentre il Pd avrà un consigliere in più (con tutta probabilità sarà De Santis, vicepresidente dell’assemblea nazionale al tempo della segreteria Renzi)

In Puglia le elezioni non finiscono mai. Succede per le regionali del settembre scorso. Tre sentenze del Tar hanno rimodulato la composizione dell’assemblea legislativa pugliese, riducendo il premio di maggioranza della coalizione vincente del governatore Michele Emiliano.

Il fronte progressista perde due unità e passa da 29 a 27 eletti (su 50) in seguito all’adozione di una interpretazione della legge elettorale differente rispetto a quella adottata dalla Corte di appello di Bari a fine ottobre.

Nel frattempo, però il fronte emilianista ha allargato la coalizione ai Cinquestelle (quattro consiglieri dei cinque eletti) diventando il primo esperimento regionale in Italia di marca giallo-rossa.

Be the first to comment on "Il Tar taglia due consiglieri alla maggioranza di Emiliano, il centrodestra recupera due seggi"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: