Medioriente, scatta la tregua. Netanyahu: “Cambiate le regole del gioco”. Corpi ritrovati tra le macerie a Gaza

A vigilare sull’accordo l’Egitto. Biden: “Un’opportunità per fare progressi”. Blinken in missione nei prossimi giorni. Le lodi di Guterres. Hamas rivendica la vittoria. Almeno nove vittime dei raid recuperate dai soccorritori nella Striscia

Un accordo è stato infine trovato: il gabinetto di sicurezza israeliano ha approvato il cessate il fuoco ed è arrivato l’ok di Hamas. È scattato alle 2 di notte (ora locale, l’1 in Italia). La tregua, reciproca, simultanea e senza condizioni, è stata negoziata dall’Egitto, che invierà delegazioni a Tel Aviv e nei Territori palestinesi per vigilare sul rispetto del cessate il fuoco.

Dall’inizio dei combattimenti, il 10 maggio, sono morti a Gaza 232 palestinesi, tra cui 65 minorenni, e circa 1.900 sono stati i feriti. Israele ritiene di aver ucciso nei bombardamenti almeno 160 combattenti nemici. Le vittime israeliane sono invece in tutto 12, con centinaia di feriti, in seguito ai lanci di razzi di Hamas e della Jihad Islamica.

Dopo le due di notte l’esercito israeliano non ha segnalato nuovi allarmi antiaerei nei suoi insediamenti nè sono stati segnalati attacchi israeliani a Gaza. I palestinesi della Striscia di Gaza occupata, della Cisgiordania e di Gerusalemme Est hanno celebrato nelle strade il cessate il fuoco che consideravano una vittoria contro Israele. Israele a sua volta ha parlato di successo poichè  la campagna militare ha ottenuto “grandi risultati” senza precedenti contro obiettivi delle milizie di Gaza.

Vittime recuperate tra le macerie di Gaza

Il numero aggiornato dei palestinesi morti a Gaza nei bombardamenti degli ultimi giorni è salito a 243. Lo ha reso noto il ministero della Sanità di Hamas. In questo bilancio sono inclusi 66 bambini e 39 donne. I feriti sono 1910.

La squadre di soccorso hanno estratto stamane fra le macerie a Gaza i corpi di 9 vittime degli attacchi aerei israeliani degli ultimi giorni. Fra questi – riferisce la agenzia di stampa ufficiale palestinese Wafa – il corpo di un bambino rimasto sepolto sotto un edificio nel rione di Tel al-Hawa, a Gaza City. I corpi di altre otto persone sono stati recuperati nella zona di al-Qarara, presso Khan Yunes, nel sud della Striscia. Mentre almeno cinque morti e una decina di sopravvissuti sono stati trovati nei tunnel sotterranei della Striscia di Gaza bombardati.

Netanyahu, cambiate le regole del gioco con Hamas

“Il nostro obiettivo era riportare calma e sicurezza i cittadini di Israele e questo abbiamo fatto. Abbiamo inferto ad Hamas un danno massimo”. Lo ha detto il premier Benyamin Netanyahu parlando del conflitto appena concluso. “Con 11 giorni di guerra – ha spiegato – sono state cambiate le regole del gioco e lo sono anche per il futuro”. “Se Hamas pensa che accetteremo lancio sporadico di razzi, si sbaglia. Ciò che è valso per il passato non varrà per il futuro”. Netanyahu ha quindi ringraziato Biden per “l’appoggio dato al diritto di difendersi di Israele”.

Hamas rivendica la vittoria

Hamas rivendica la vittoria nel confronto armato di questi giorni con Israele. A dirlo è stato un alto funzionario del movimento di fronte a migliaia di persone riunite per manifestazioni di gioia a Gaza City, dopo l’entrata in vigore di un cessate il fuoco con lo Stato ebraico. “Questaè  l’euforia della vittoria”, ha detto Khalil al-Hayya, numero due dell’ufficio politico di Hamas nella Striscia di Gaza, durante un discorso ai manifestanti esultanti, promettendo inoltre di “ricostruire” le case distrutte dagli attacchi israeliani.

L’Autorità palestinese: “Denunceremo Israele alla Corte penale internazionale”

L’Autorità nazionale palestinese intende presentare denuncia contro Israele alla Corte penale internazionale (Cpi) per crimini di guerra compiuti a Gaza nella recente operazione contro la Striscia. Lo ha riferito il premier palestinese, Mohammad Shtayyeh, sottolineando che 20 famiglie palestinesi sono state quasi completamente sterminate a Gaza, oltre alle distruzioni causate dai raid aerei israeliani.

 

Fonte Repubblica

 

Be the first to comment on "Medioriente, scatta la tregua. Netanyahu: “Cambiate le regole del gioco”. Corpi ritrovati tra le macerie a Gaza"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: