Ursula von der Leyen apre la conferenza dei donatori, si punta a raccogliere 7,5 miliardi di euro

Bruxelles – (Agenzia Nova) – Si aprirà oggi alle ore 15 la conferenza internazionale di impegno, ospitata dalla presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, per raccogliere fondi per 7,5 miliardi di euro da destinare alla cooperazione globale nella ricerca di vaccini e trattamenti di risposta alla pandemia di Coronavirus. Una maratona internazionale per fare in modo che alla pandemia globale di coronavirus si dia una risposta globale, sviluppando e attuando rapidamente diagnosi, trattamenti e un vaccino efficaci perché, senza questi strumenti, “tutti i paesi del mondo rimangono vulnerabili”. In questo contesto, ha sottolineato la Commissione, “paesi e organizzazioni in tutto il mondo stanno unendo le forze per garantire che non solo sviluppiamo questi strumenti salvavita, ma assicuriamo che siano universalmente disponibili e convenienti. Nessuna persona, paese o regione dovrebbe essere lasciata indietro”.

La Commissione ha ricordato che l’Unione europea sta rispondendo alla richiesta di vaccini e cure unendo le forze con Francia, Germania, Spagna, Norvegia, Regno Unito, Canada, Giappone, Arabia Saudita, come attuale presidenza del G20, e Italia, come futura presidenza del G20, ospitando la maratona che si apre oggi. Scienziati ed esperti sanitari leader a livello mondiale, riuniti nel Global Preparedness Monitoring Board, convocato dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e dalla Banca mondiale, affermano che 7,5 miliardi di euro (8 miliardi di dollari) rappresentano i bisogni immediati per lo sviluppo di soluzioni per testare, trattare e proteggere le persone, e per prevenire la diffusione della malattia.

L’evento di oggi si concentrerà sulle tre esigenze più urgenti. I test, perché “abbiamo bisogno di nuovi test per diagnosticare rapidamente la malattia. Questi test devono essere precisi e facilmente accessibili”. Trattamenti, perché “abbiamo bisogno di nuovi trattamenti per minimizzare i sintomi nei pazienti con coronavirus, quindi meno persone devono andare in ospedale”. Prevenzione, perché “abbiamo bisogno di nuovi vaccini per proteggere le persone, per prevenire il ritorno della malattia e per consentirci di tornare alla vita normale”.

La Commissione ha sottolineato anche che tutti i nuovi vaccini, i sistemi diagnostici e i trattamenti per il coronavirus devono essere disponibili a livello globale, appropriati e convenienti. “Questo è il motivo per cui abbiamo bisogno di una risposta di scala, velocità e solidarietà senza precedenti. Scala per dare la priorità alle tecnologie e alle innovazioni più promettenti, velocità per agire rapidamente ora per accelerare lo sviluppo, la produzione e la realizzazione di diagnostica, trattamenti e vaccini e solidarietà per garantire un accesso equo a loro per tutti, in Europa e nel mondo, indipendentemente da dove si trovano, sono stati sviluppati o chi li ha finanziati”, ha concluso l’esecutivo europeo.

Be the first to comment on "Ursula von der Leyen apre la conferenza dei donatori, si punta a raccogliere 7,5 miliardi di euro"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: